Resoconto della Conviviale dell’ 8 luglio 2021

   E’ una serata molto significativa per il nostro Club, presso il ristorante Vinicio, al chiuso dopo la pandemia.

   Per la prima volta abbiamo come Presidente una donna, Silvia Menabue, che questa sera presenta il suo programma.

   Dopo l’onore alle bandiere, la Presidente Silvia Menabue ha ringraziato il Club per averle dato fiducia di ricoprire una carica così importante: le due annate trascorse sono state molto complicate, adesso bisogna ripartire con volontà e determinazione. A causa della pandemia e dei problemi che questa ha creato e sta creando nella scuola, ambito lavorativo del Presidente,  Silvia ha sottolineato che spesso ha temuto di non farcela, ma poi il grande spirito di resilienza ed il senso di servizio l’ha spinta a non gettare la spugna. Silvia ha precisato quali saranno le due linee di azione a cui si ispirerà il lavoro suo e quello della sua squadra: la valorizzazione delle attività di servizio, attraverso le quali il Rotary può contribuire a “cambiare vite”, cioè ad essere motore di cambiamento per la comunità in cui opera, ed il rafforzamento dell’ identità del Club, attraverso rinnovate modalità di incontro, di relazione, di appartenenza.

   Molto importante è il lavoro di squadra, e Silvia ha investito molto nelle commissioni: nel presentare l’organigramma del Club, ha sottolineato di avere suddiviso le attività delle commissioni in cinque grandi aree, amministrazione, effettivo, immagine pubblica, progetti e fondazione Rotary. All’interno di queste aree ci sono la commissioni vere e proprie e le linee operative sono varie: molto importante è il rafforzamento dell’effettivo, nella direzione di cooptare più donne e più persone di giovane età. Il Governatore chiede che ogni socia faccia entrare una nuova donna e vorrebbe, quando viene a trovare il Club, spillare lui stesso in quell’occasione una nuova socia. Un’altra linea operativa è quella di rafforzare l’immagine pubblica del Rotary ed anche qui il Governatore ha lanciato l’idea di fare un telegiornale del Distretto.

   Le attività di servizio del Club non sono meno importanti: l’imput è quello di pensare ad interventi di ampia portata, che orientino  l’ azione rotariana nella direzione delle effettive necessità, superando la semplice, per quanto lodevole, “beneficienza” di piccolo respiro. Ed al riguardo i service in corso, con la condivisione dei Presidenti delle annate 20/21, 21/22 e 22/23 son un bellissimo esempio di questo. Il Rotary deve andare oltre la convivialità, deve avere un impatto sociale. Sono coinvolti anche il Rotaract e l’Interact.

   Dobbiamo valorizzare la Fondazione Rotary: già quest’ anno ha concluso il service della mascherine per le associazioni modenesi, è in programma un convegno sulla genitorialità consapevole.

   Il Presidente ha poi auspicato che ci possa essere di frequente una serata dedicata al rendiconto ai soci delle attività delle varie commissioni, così che tutti possano essere messi al corrente di quelle che il Club sta facendo ed organizzando: per quanto riguarda le conviviali è importante non tanto invitare ospiti illustri, ma investire nelle relazioni all’interno del Club, dando la possibilità di parlare ai soci, soprattutto i nuovi che meno conosciamo, con argomenti che riguardino la loro attività, ma perché no, anche i loro hobby, i loro interessi extraprofessionali. Con la partecipazione anche delle/dei consorti, dei figli, ecc… : si dovrebbe dare visibilità del Club anche all’esterno, d’altra parte abbiamo tra le nostre file personalità di spicco nell’ambito cittadino, come l’Arcivescovo od il Rettore, potremmo invitare anche rappresentanti del territorio così da creare un circolo virtuoso bidirezionale di conoscenze tra noi ed il contesto in cui viviamo.

   La Presidente Silvia Menabue ha poi ricordato i compleanni che cadono in questi giorni: Gian Marco Ucci, Marco Righi, l’ Arcivescovo Erio Castellucci (proprio oggi), Luca Panini. Martedì prossimo ci troveremo per la cena di mezza estate presso Villa Cialdini a Castelvetro, ospiti della famiglia Chiarli, mentre martedì 20 luglio saremo a Fiorano per un incontro informale in una splendida location in collina al tramonto. Nel mese di agosto avremo sempre la possibilità di riunirci il martedì presso “La Vecchia Pirri”, mentre è già organizzato anche il mese di settembre: da segnalare il Festival della Filosofia, sempre sponsorizzato dal Gruppo Ghirlandina, ma con le defezioni dei Club di Carpi e Mirandola, e col Club di Sassuolo che ha chiesto di avere colà la lectio magistralis, ed un incontro interpaese con Club svizzeri, di San Marino e di Malta per l’ultimo week-end di settembre.

Un caro saluto

Claudio Colombi

Copyright © 2017 Rotary Club Modena.